Stampanti a getto d'inchiostro e laser: il fine definisce il mezzo

venerdì 6 giugno 2014

La stampante ideale viene individuata, solitamente, da parte del consumatore medio, nel modello più economico esistente sul mercato. Si tende, infatti, a considerare le stampanti solamente in base al prezzo, non tenendo conto delle caratteristiche dei vari modelli, riuscendo a distinguere a fatica tra stampanti laser e a getto d'inchiostro. In realtà, è proprio la definizione di economico che, in questi casi, viene usata impropriamente.
Se è vero che, all'atto dell'acquisto, spendere meno soldi potrebbe sembrare un vero affare, occorre tenere in considerazione il fatto che molti produttori utilizzano, nella commercializzazione, un modello di business particolare. Questo prevede, indipendentemente dal tipo di stampante (a getto d'inchiostro o laser) che se il prezzo del modello è basso, più alto sarà, di conseguenza, il prezzo applicato alle parti sostituibili, ossia l'inchiostro e il toner.

In base a quanto appena indicato, le stampanti a basso costo devono essere prese in considerazione solamente da chi è certo di stampare raramente, utilizzando pochi fogli alla volta. In questo caso, il ciclo di utilizzo di un toner sarà molto alto, rendendo la spesa per uno sostitutivo ammortizzabile nel tempo. Una persona che usa quotidianamente una stampante, invece, deve valutare attentamente, prima di comprarla, il costo delle parti sostituibili e, solo dopo aver fatto questo calcolo, procedere con l'acquisto stesso.
Per quanto riguarda la distinzione tra stampanti a getto d'inchiostro e stampanti laser, la scelta deve essere fatta basandosi sui rispettivi vantaggi e su quanto questi siano determinanti, sempre in base all'utilizzo che si intende farne.

Le stampanti laser garantiscono sicuramente prestazioni più elevate, sia per quanto riguarda la velocità che in merito ai costi di gestione; se, infatti, per una stampante laser il prezzo del toner è, nella maggior parte dei casi, più alto di quello di una cartuccia inkjet, è anche vero che la durata è notevolmente maggiore, consentendo un sostanzioso risparmio in termini di costo per pagina stampata. Chiaramente, a fronte di questo maggior vantaggio tecnologico, il costo iniziale delle stampanti laser è più alto.
Questo tipo di stampanti è indicato soprattutto per le persone che, oltre ad una maggiore velocità (consentono di stampare in pochi istanti decine di pagine), hanno l'esigenza di avere una macchina multifunzione, che consenta di avere a disposizione anche uno scanner e un fax.
Per chi ha la necessità di avere una stampante in grado di lavorare in rete su diversi PC il laser è la scelta obbligata.

All'interno delle stampanti laser è necessario poi procedere ad un'ulteriore scelta. Esistono, infatti, modelli che stampano solamente in bianco e nero, altri che forniscono collegamenti wireless; varie distinzioni possono essere fatte anche in termini di qualità di stampa.
Una stampante laser ideale dovrà avere tra le caratteristiche una velocità di almeno 12-15 pagine al minuto e una qualità di stampa non inferiore a 600x600 dpi (in bianco e nero, mentre per modelli a colori non si dovrebbe scendere sotto ai 1200x1200 dpi).
Nel caso di stampa frequente di file di dimensioni molto grosse, contenenti grafici e immagini, è opportuno scegliere una stampante con una memoria RAM piuttosto alta, che garantisca una maggiore velocità di stampa (nel caso di grafici particolarmente elaborati, con poca memoria si avrebbe un rallentamento del Pc e un conseguente avvio ritardato della stampa).
Scegliere, infine, un modello dotato di un collegamento wireless non solo nel caso in cui si abbia necessità di collegare la stampante a più computer, ma anche quando la stampante è posizionata in una stanza diversa da quella in cui è situato il Pc.

Le stampanti a getto d'inchiostro, invece, oltre ad avere un prezzo sul mercato certamente minore, garantiscono solitamente una qualità della stampa fotografica più alta. Inoltre, per stampare a colori usare un modello a getto d'inchiostro è sicuramente più economico visto il prezzo, ad oggi, ancora troppo elevato delle stampanti laser a colori. Il lato negativo è costituito dalla durata minore dei consumabili, che finisce per far lievitare i costi di stampa per pagina, a dispetto del basso prezzo delle cartucce, e da tempi per eseguire una stampa maggiori.
Per un utilizzo intensivo, la scelta potrebbe comunque ricadere su una stampante a getto d'inchiostro; è sufficiente rivolgersi ad una stampante più costosa, riscontrabile nei modelli di alta gamma, in grado di garantire una qualità alta, con un livello che può avvicinarsi in maniera importante a quello delle stampe di laboratorio. Le macchine ad inchiostro di alta gamma forniscono, infatti, stampe senza margini, che possono essere effettuate su diversi supporti (tra questi sono annoverati, ad esempio, i CD).
Nel caso delle stampanti a getto d'inchiostro, infine, è importante considerare l'esistenza di opzioni come quella fronte/retro automatica, che permette contemporaneamente un risparmio di carta e di tempo.

 
Il tuo carrello è vuoto.

Visa Master Card PayPal

Vai al Carrello

I prezzi sono IVA esclusa.

Segnalato da TrovaPrezzi Segnalato da ShoppyDoo
Tutti i marchi ed i loghi utilizzati sono di proprietà dei rispettivi proprietari e vengono utilizzati al solo scopo di indicare la compatibilità dei prodotti. TuttoCartucce s.r.l. non è in nessun modo associata né collabora con Epson, HP, Lexmark, Canon, Samsung o qualunque altro produttore di stampanti. Gli inchiostri utilizzati nei kit di ricarica e nei sistemi di ricarica infinita non sono inchiostri originali. Il loro utilizzo potrebbe fare decadere, tutta od in parte, la garanzia della stampante.